MI PRESENTO




Sono Matteo Bortolin, nato a Valdobbiadene, cittadina veneta, ho 33 anni e risiedo a Conegliano in provincia di Treviso.

Da sempre appassionato d'arte, in particolare pittura e fotografia.

Mi sono diplomato all’Istituto D’Arte di Vittorio Veneto, dopodiché ho frequentato la Scuola del Fumetto di Milano per tre anni. Nel frattempo la mia passione per la pittura non si smorza, anzi, tra commissioni e tele realizzate per piacere e ricerca personale, aumenta.

Purtroppo dalle mie parti sembra non esserci abbastanza interesse per l’arte nonostante vengano organizzate collettive ed esposizioni. Talvolta si confonde l’artigianato da festa paesana, con l’arte.

Ma ARTigiani e ARTisti sono molto diversi, questo non per sminuire i primi, che anzi possono anche venir illuminati dall’arte.

Prediligo la tecnica ad olio e come supporto la tela, ma talvolta dipingo anche su tavola e carta. In quest’ultimo anno sto cercando di uniformare la mia tecnica e mi lascio volentieri ispirare dal surrealismo.

I soggetti dei miei quadri sono presi da foto che realizzo personalmente e che combino con immagini prese da riviste cercando di creare delle composizioni inusuali, che non rivelino subito il vero significato che intendo dargli.

Mi interessano anche i volti, la loro espressività e creare una relazione tra due soggetti che mai si incontreranno, sia perché uno dei due non sia fisico e reale agli occhi dell’altro o per una specie di alienazione di un soggetto oppure perché si sono ritrovati a recitare in uno scenario comune ma non sanno perché; come spesso accade nella vita.

Da circa tre anni mi sono accostato alla fotografia, inizialmente con una Reflex a pellicola. Ora scatto prevalentemente in digitale, ritornando talvolta a scattare con una splendida camera medio formato su pellicola.

Devo dire che questo mezzo mi ha dato modo di rivedere le mie capacità di inquadrare soggetti e situazioni e di approfondire la conoscenza di luoghi e persone.

La fotografia mi permette un'immediata fruizione; a differenza della pittura è una creazione che risulta dalla somma di diversi fattori: il mio sguardo, la creatività nell’inquadrare il soggetto  e quel magico oggetto che è la fotocamera in tutte le sue varianti.

La fotografia è un linguaggio ed una riflessione sulla realtà; può modificare le nostre idee e comportamenti; è un desiderio di comunicare ma manifesta anche un mondo diverso.

Recentemente ho avuto il piacere di esporre una foto al Mart di Rovereto, partecipare a collettive, tra cui la più recente al Sinergy Art Studio di Roma e di vincere premi come il secondo posto nella sezione "fotografia a colori" al concorso Caos di Tarzo (TV).

Tra pittura e fotografia sto affinando il mio personale sguardo dal mio piccolo balcone verso il panorama arte che rimarrà sempre una dimensione visiva, e non solo, per me indispensabile.